s
U.S. Mission to Italy U.S. Mission to Italy
Background image
Background image
Related Topics
banner image Full version Plain Text Version Plain Text Version banner image
President Barack Obama

President Barack Obama

1 febbraio 2010

Proclama del Presidente degli Stati Uniti d'America, 1 febbraio 2010

Nel corso dei secoli successivi al loro primo arrivo sulle nostre spiagge, gli afroamericani hanno conosciuto l’amarezza della schiavitù e dell’oppressione, la speranza del progresso e il trionfo del Sogno Americano. La storia degli afroamericani è un tratto fondamentale dell’esperienza americana e descrive i continui sforzi del nostro paese per migliorarsi. Ogni anno, dedichiamo il mese di febbraio alla Storia Afroamericana come momento di riflessione sul percorso compiuto dal nostro paese e su quali sfide rimangono ancora da affrontare. Il tema di quest’anno, “La storia dell’acquisizione del potere economico degli afroamericani”, ci ricorda di onorare gli afroamericani che hanno superato ingiustizie e disparità per raggiungere l’indipendenza finanziaria e la sicurezza della propria autonomia che ne deriva.

Quasi 100 anni dopo la fine della Guerra Civile, gli afroamericani avevano ancora di fronte sfide e umiliazioni scoraggianti. Un diffuso pregiudizio razziale limitava le loro opportunità, mentre discriminazioni istituzionali come i “codici neri” e le leggi Jim Crow negavano loro i pieni diritti di cittadinanza. Nonostante questi ostacoli all’apparenza insuperabili, pionieri afroamericani iniziarono a tracciare la strada per se stessi e per i loro figli. Divennero lavoratori qualificati e professionisti. Acquistarono terre e una nuova generazione di imprenditori afroamericani cominciò a fondare banche, scuole, giornali, ospedali e ad occuparsi di ogni genere di affari.

In questo mese, riconosciamo il coraggio e la tenacia di tutti questi americani che hanno lavorato duro, le cui eredità costituiscono il tessuto della nostra Nazione. Noi siamo i beneficiari dei loro straordinari progressi. Il pregiudizio razziale non è più l’ostacolo insormontabile alle opportunità per molti afroamericani, eppure esistono ancora delle barriere, residui delle passate discriminazioni. Vi sono disuguaglianze strutturali – dalle disparità nell’educazione e nella sanità al circolo vizioso della povertà – che rappresentano ancora ostacoli enormi per le comunità afroamericane degli Stati Uniti.

Superare le sfide che abbiamo di fronte oggi richiederà la stessa dedizione e lo stesso senso di necessità che hanno permesso alle passate generazioni di afroamericani di elevarsi oltre le ingiustizie dei loro tempi. Per questo la mia amministrazione sta gettando le basi per una crescita economica a lungo termine che aiuti molto più che una ristretta cerchia di privilegiati. Stiamo lavorando sodo per dare alle piccole imprese quel credito di cui hanno tanto bisogno, per tagliare i benefici fiscali alle compagnie che creano posti di lavoro all’estero e per dare quegli stessi benefici alle imprese che invece creano lavoro qui da noi. Stiamo anche reinvestendo nelle nostre scuole e rendendo le università più accessibili, perché un’educazione di livello internazionale è il modo migliore per portare il nostro paese alla prosperità.

Queste iniziative amplieranno le possibilità per gli afroamericani e per tutti gli americani, ma anche i genitori e i leader delle comunità locali devono aiutarci in questo sforzo. Dobbiamo spingere i nostri figli a realizzare tutto il loro potenziale, proprio come chi ha avuto successo nelle passate generazioni spingeva i propri figli a raggiungere qualcosa di ancora più grande. Nei libri della storia afroamericana, molte cose non sono state scritte. Aggiungiamo dunque il nostro capitolo, pieno di progresso e ambizione, così che i figli dei nostri figli possano sapere che anche noi abbiamo fatto la nostra parte per cancellare un passato ingiusto e per costruire un futuro più luminoso.

PERTANTO IO, BARACK OBAMA, Presidente degli Stati Uniti d’America, in virtù dell’autorità conferitami dalla Costituzione e dalle leggi degli Stati Uniti, proclamo febbraio 2010 Mese Nazionale della Storia Afroamericana. Invito tutti i dipendenti pubblici, gli insegnanti, i bibliotecari e tutto il popolo degli Stati Uniti a celebrare questo mese con iniziative, cerimonie ed eventi appropriati.

IN TESTIMONIANZA DI CIÒ, appongo qui la mia firma nel primo giorno di febbraio, nell’anno del Signore 2010 e nell’anno 234 dall’Indipendenza degli Stati Uniti d’America.

BARACK OBAMA

This site is managed by the U.S. Department of State.
External links to other Internet sites should not be construed as an endorsement of the views or privacy policies contained therein.